Abbiamo una passione per la Tradizione: in lode dei Testaroli!

Abbiamo una passione per la Tradizione: in lode dei Testaroli!

Oggi vogliamo condividere con te una bella lode ai testaroli, scritta da Luciano Bertocchi. Per molti, come anche per noi, i testaroli non rappresentano solo una gustosa specialità, ma ci riportano indietro nel tempo, alle nostre origini, alle tradizioni, alle cucine delle nonne, alle feste di paese. E proprio questo vogliamo far vivere con i nostri prodotti: i sapori di un tempo, le emozioni dei genuini piatti della tradizione.

A Puntrémal, urmai, l’è dvêntà tradisiùn

che se t’vè a l’usteria, e a’n gh’è pù d’remisiùn,

t’dév mangnèrte fra l’àutar, e a’n cunt se tû’n pê,

un gran piàtt di famusi e usanà têstarê.

E stê visi i è acsì fort e acsì bèn radicà

che la sênta du d’féra la n’artùrne pû a cà

s’la n’ha fatt l’êspêriênsa, buna o grama a ‘n vé dir

d’mandèr zù i têstarê anca a custe d’murìr.

Mê, ch’a g’ho l’usteria e dal vot a’g dév stèr

a m’divèrt a guardèr chêi ch’a i ven a magnèr:

si én d’Puntrémal, va ben, la n’è sul tradisiùn

al curàg i’g derìv da la generasiùn;

quand i s’mêtun a tavla a tû g’dmand: “Têstarê?”.

Ma sicùr, un bèl piatt!”, fèr a mén a’n sû pê. […]

Il resto della Lode ai Testaroli si trova nel libro di Salvatore Marchese, La Cucina di Lunigiana – le fonti, le storie, le ricette, Tarka, 2016, Mulazzo, pp. 66-68