Dalla tradizione con fantasia: Pesto Delicato alle Ortiche

Dalla tradizione con fantasia: Pesto Delicato alle Ortiche

Oggi ti proponiamo la ricetta del Pesto Delicato alle Ortiche, ottimo anche per condire Testaroli Acqua Farina e Fantasia

Vista la scarsità di prodotti agricoli, le erbe spontanee hanno sempre avuto, nella cucina Lunigianese, un’importanza fondamentale. Da sempre chiamate Erbi, venivano raccolte dalle donne, che avevano imparato a riconoscerle dalle loro madri e dalle nonne. Gli erbi erano, e sono considerati ancora oggi, in Lunigiana, praticamente buoni per tutto: per il ripieno dei ravioli e delle torte, per accompagnare le salsicce e per realizzare molte altre ricette. Dipende un po’ dalla cucina in cui ci si trova.

Fra gli erbi, usatissima in cucina è l’ortica.

Per chi, come da tradizione, volesse cimentarsi nella sua raccolta, dovrà, intanto, provvedersi di guanti, per evitare irritazioni. L’ortica si trova lungo i sentieri di montagna o di campagna. Una volta cotte o essicate, le ortiche perdono la loro caratteristica irritante e risultano completamente innocue. L’ortica è nota anche per le sue proprietà benefiche: è ricca di potassio, fosforo, ferro, vitamina A, vitamina C e calcio. I suoi impieghi curativi e culinari erano già noti in Grecia fin dall’antichità, quando, per tradizione, l’ortica doveva essere raccolta prima del sopraggiungere della primavera.


Ingredienti

300g circa di ortiche

100g di olio extravergine di oliva

50g di parmigiano/pecorino

30g di pinoli (meglio se tostati)

sale q.b.


Procedimento

Sbollentare le ortiche per pochi secondi e colare accuratamente. Frullarle quindi assieme al sale, aggiungendo pian piano l’olio, fino ad ottenere una salsa omogenea. Unire infine il formaggio ed i pinoli. Se si desidera una consistenza più granulosa, non frullare a lungo. Procedere al condimento dei nostri testaroli.

Vi è piaciuta la nostra ricetta del Pesto Delicato alle Ortiche? Fateci sapere cosa ne pensate e provatela subito: non vediamo l’ora di vedere i vostri piatti. Condivideteli nei commenti del blog o sulla nostra pagina Facebook.